Gli Acufeni e come riconoscerli

Una persona che, improvvisamente, inizia a sentire un fischio continuo nel proprio orecchio è soggetto ad acufeni. Si tratta di un disturbo, in realtà, molto frequente e preoccupante. Tuttavia, molti medici concordano nell’affermare che si tratta, più che di una malattia, di un sintomo che nasconde ben altro.

Le cause scatenanti degli acufeni possono essere differenti: da semplici tappi di cerume da rimuovere a infiammazioni interne. Nei casi più gravi, però, possiamo trovarci di fronte a traumi cranici, oppure a problemi legati all’attività cardiaca (in questo caso si potrebbe parlare di malformazioni artero-venose, tumori glomici o aneurismi).

La persona che è soggetta ad acufeni sente in continuazione un rumore: quest’ultimo può essere un fischio, un ronzio o un sibilo. L’intensità, poi, può essere differente di volta in volta e anche la durata di questo tipo di malessere. Infine, non è stato ancora chiarito se si tratti di un problema che interessa un solo orecchio oppure entrambi.

In definitiva, l’acufene è ancora un sintomo oscuro da valutare e studiare attentamente. Proprio per questo motivo anche le terapie indirizzate a risolvere questo problema sono approssimative. Per riuscire a curare correttamente l’acufene bisognerebbe, prima di tutto, individuare con certezza l’origine del dolore e la causa che lo provoca. Questo, purtroppo, non sempre è possibile.

Le cure fino ad oggi utilizzate sono, più o meno, sempre le stesse: i medici tendono a prescrivere farmaci antidepressivi o antipertensivi. La ragione è semplice: chi soffre di acufeni si trova molto spesso a dover combattere contro rumori di media, o forte, intensità. A lungo andare questo provoca disturbi nel sonno che culmina nella depressione.

I consigli di base, per chi soffre di acufene, rimangono sempre gli stessi: evitare luoghi eccessivamente rumorosi, coprire e proteggere le orecchie da rumori molesti e cercare di riposare il più possibile e in modo regolare.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *