APE, come si redige la documentazione riguardante la prestazione energetica

Con l’acronimo APE si indica la documentazione che riguarda la Prestazione Energetica di un edificio. Tali documenti sono previsti dalla legge in alcune situazioni particolari, ad esempio per le nuove costruzioni e per qualsiasi struttura edile che sia posta in vendita o in affitto.

Vediamo come si prepara un APE, ulteriori informazioni su tale attestato si possono trovare alla pagina https://geometra24.it/ape-attestazione-di-prestazione-energetica/.

Contattare un professionista

prestazione energeticaPer poter avere l’APE di un qualsiasi edificio è necessario contattare un professionista del settore edile, ad esempio un architetto, un geometra o un ingegnare. Non è possibile contattare un professionista qualsiasi, ma si può ottenere l’APE solo da un esperto abilitato, che avrà quindi seguito particolari corsi approvati dallo specifico albo professionale cui è iscritto.

Il professionista dovrà effettuare un sopralluogo nell’edificio in questione, in modo da poter verificare l’effettiva prestazione energetica, controllando l’impianto di riscaldamento, la tenuta e la qualità di porte e infissi, i metodi costruttivi delle pareti, la presenza di cappotti esterni o di materiale isolante. Tutte queste peculiarità permettono al professionista di inserire l’edificio all’interno di una specifica classe energetica, che si indica con una lettera maiuscola, da A (gli edifici con migliore prestazione energetica) a G (per gli edifici in situazione peggiore).

All’interno dell’APE il professionista può anche indicare quali siano i lavori che possono permettere di migliorare la prestazione energetica, in modo da rendere la struttura più efficiente e meno dispendiosa.

Validità dell’APE

Qualsiasi documento che riguarda la prestazione energetica di un edificio ha validità di 10 anni, a patto di non modificare in alcun modo le caratteristiche dell’abitazione che riguardano il dispendio energetico. Basta quindi sostituire la caldaia o gli infissi perché l’APE perda totalmente di valore legale.

La legge prevede la redazione dell’APE dal 2013; ni precedenza tale tipo di documentazione era di tipo diverso, indicata con l’acronimo ACE. Gli ACE redatti prima del 2013 hanno comunque valore legale per una durata di 10 anni, quindi non è necessario sostituirli con un APE nel caso in cui non siano trascorsi almeno 10 anni e non siano stati effettuati lavori di ristrutturazione che abbiano modificato sostanzialmente l’edificio.

Il costo

Il costo dell’APE dipende dal professionista che si intende contattare. Esistono dei tariffari, ma ogni singolo professionista può chiedere cifre maggiori a quelle standard. Per questo motivo è importante richiedere un preventivo, in modo da ricercare quello migliore, risparmiando in modo sensibile.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *